Gallery – Photo

domenica 10 aprile- visita alla Mostra a Palazzo Martinengo - Brescia

Domenica 10 aprile con il critico d’arte Dotti e i Soci del Maestrale a Palazzo Tosio Martinengo, Brescia,
in visita alla Mostra “Gli splendori di Venezia”! Ineguagliabile Dotti e davvero “splendida” l’esposizione !!!

Domenica 15 novembre: Domenica 15 novembre: alla piacevole scoperta delle bellezze della Certosa di Pavia e della città di Vigevano

Domenica 15 novembre: alla piacevole scoperta delle bellezze della Certosa di Pavia e della città di Vigevano, due gioielli italiani da non perdere.

Gallery Photo

Prossimi Appuntamenti

  • Viaggio culturale a CITTADELLA – BASSANO – MAROSTICA

    Viaggio culturale a CITTADELLA – BASSANO – MAROSTICA

    Viaggio culturale a

    CITTADELLA – BASSANO – MAROSTICA

    Sabato 14 Ottobre 2017

    Viaggio culturale a CITTADELLA – BASSANO – MAROSTICA

    MATTINO: visita guidata al centro storico di Cittadella-città murata medioevale e del camminamento di ronda.

    POMERIGGIO: trasferimento e visita guidata di Marostica, con la celebre scacchiera nella piazza centrale e di Bassano del Grappa con il Ponte Vecchio o Ponte degli Alpini, edificato nel ‘200 e restaurato nel ‘500.

     

    Programma

    ore 07.00
    partenza con pullman dal Piazzale Kennedy di Palazzolo (zona piscine).


     

    ore 09.00
    Arrivo e visita con guida al centro di Cittadella e del camminamento di ronda.


     

    ore 12,15
    pranzo al ristorante


     

    ore 14.15
    trasferimento e visita con guida alle città di Marostica e Bassano del Grappa.


     

    ore 18.00
    partenza per Palazzolo


     

    Costo della visita culturale: € 55,00     

    la quota comprende: ingressi,  visite con guida, pullman, pranzo.

    conferma entro sabato 30 settembre 2017 con il pagamento dell’intera quota

    la visita si effettuerà con un minimo di 20 partecipanti, iscritti all’associazione.

    Per informazioni  e prenotazioni:
    Antonella Bonadei
    Tel. 030 7400719
    Cell. +39 339 1003726
    e-mail info@ilmaestrale.eu

  • Premiazione del Concorso di narrativa “L’immagine parla”

    Premiazione del Concorso di narrativa “L’immagine parla”

    Premiazione del concorso di narrativa

    “L’immagine parla”

    Anche per quest’anno si è conclusa l’ XI Edizione del Concorso di narrativa L’IMMAGINE PARLA organizzato dall’Associazione culturale palazzolese IL MAESTRALE.

    La giuria è stata presieduta dalla sig.ra Elena Alberti Nulli , poetessa e scrittrice, in collaborazione con altri 4 membri e tra questi Egidio Bonomi, scrittore e giornalista del Giornale di Brescia, il dott. Lino Marconi, medico e scrittore, il dott. Fabrizio Leidi, già direttore del Sistema Bibliotecario Ovest bresciano e di Giorgio Scroffi, docente e scrittore, esperto in didattica della poesia. La Giuria ha decretato il vincitore del Concorso cui è andato il premio di 1000 euro:

    1) LUCA DONINA, di Cedegolo, Brescia, con il suo racconto “TUTTA COLPA LORO”, un racconto definito dalla presidente di giuria “  bello, fresco, incisivo, sincero ”.

    A seguire, in seconda posizione, il racconto di:
    2) LYUBA CENTRONE di Gioia del Colle, Bari, dal titolo “GLI ILLESI”, ”Scritto con una raffinatezza, una sobrietà e anche una ricchezza di allusioni di ulteriori storie che ne valorizza lo spessore”…..

    Terzo classificato il racconto di:
    3) MARIA GIULIA BALDUCCI, di Milano, con “L’ULTIMO TRATTO” definito dalla giuria “ senza ipocrite ritrosie”…

    Gli scrittori premiati erano tutti presenti per ricevere i vari doni  previsti dal regolamento del Concorso..

    La Cerimonia di Premiazione, coordinata dal presidente del Maestrale, Adriano Arcangeli, si è tenuta alle ore 17,00 in Palazzolo sull’Oglio il 7 ottobre presso il Polo culturale della Biblioteca Civica di Lungo Oglio Cesare Battisti alla presenza di un pubblico numeroso. A fare da cornice alla manifestazione un gruppo di allievi dell’Accademia musicale “Riccardo Mosca“ di Palazzolo che si sono esibiti con intermezzi tra le varie  premiazioni.  Momento particolarmente suggestivo  è stato la lettura integrale dei tre racconti classificati dal terzo al primo, letti da Bruno Noris, attore e doppiatore palazzolese, molto affermato nel campo del teatro, al suo attivo collaborazioni con Strelher al Piccolo di Milano.

    Dei racconti, oltre ai tre classificati ai primi posti su un numero di 200 racconti pervenuti da tutta l’Italia,  la giuria ne ha selezionato altri 7 , particolarmente significativi; questi i nominativi, la classifica e i titoli:

     4° Sala Teresa LE STELLE SONO TANTE Mottalciata BI
     5° Chiari  Daniele LA GIRANDOLA Palazzolo sull’Oglio
     6° Gandini Gianni LA REGOLA DI AMOS Albiola CO
     7° Benelli Luisa UNA ROSA PER GLI EROI Crema
     8° Mannella Erika Il SEGRETO Genova
     9° Bignotti Alessia L’INCANTEVOLE CORAGGIO DELLE STELLE D’INVERNO Ospitaletto BS
     10° Brioschi Roberta UNA COLLANA DI PERLE Mezzate MB

     

    Gli scrittori sono stati premiati con un attestato ed è stato consegnato loro il libro raccolta dei racconti di questa edizione, 100 per l’esattezza, dal titolo “Tutta colpa loro”, anche titolo del racconto vincitore. Fiori per le signore gentilmente offerti dalla Cooperativa sociale Palazzolese, da anni sponsor di questa iniziativa insieme alla Lampozippers di Lanfranchi.

    Nel contesto della manifestazione è stata inaugurata la MOSTRA “I FOTOGRAFI DEL GRUPPO ISEO IMMAGINE PER FLOATING PIERS”.

    Infatti il gruppo Iseano ha gentilmente offerto l’immagine incipit di questa XI Edizione, fotografia scattata da Gianfranco Foresti qui di seguito pubblicata. La Mostra, tutta ispirata all’evento mondiale dello scorso anno sul lago d’Iseo, sarà aperta fino al 22 ottobre p.v.
    La cerimonia si è conclusa con il consueto momento conviviale offerto dall’Associazione IL MAESTRALE.

    Racconto vincitore del Concorso

    “Tutta colpa loro”
    _
    di Luca Donina
    Cedegolo – BS

    … Un racconto definito dalla presidente di giuria “ .. bello, fresco, incisivo, sincero ..”.

    • Mica te lo dicono, che poi è così. No no, per niente. La buttano lì, leggera come il lenzuolo che vola quando la mattina la mamma rifà il letto. “Andremo in gita nel Nord della Francia, ragazzi, visiteremo Parigi, vedremo Versailles, faremo Le Havre, e nel ritorno passeremo dalla Normandia dove c’è stato lo sbarco degli americani, come abbiamo studiato quest’anno”. Tu sei lì seduto all’ultimo posto che neanche ascolti, tra una battuta col compagno di banco e la solita partita a tris sul foglio, che alla parola gita hai già smesso di ascoltare il resto e ormai sei già partito con la mente, che il cibo (cosa cacchio sarà questa novelle cuisine, finalmente forse lo scopriremo), che la Reggia, che lo stadio del PSG, che la Bastiglia, che i francesi antipatici e le francesi bellissime, che il loro Louvre con la nostra Gioconda, che state attenti perché veniamo a riprendercela, razza di mangia-baguette che sapete solo rubare e perdere, e PO-PO-PO-PO-PO-POOO-PO e il cielo è blu sopra Berlino, Beppe.

      E nessuno te lo dice. Ti senti protetto. Avvolto nei tuoi jeans dal cavallo basso, sicuro nelle tue scarpe da ginnastica bianche firmate Adidas, con quel ciuffo biondo ingellato sul davanti, le cuffie nelle orecchie. Non hai motivo di pensarci. Arriva il giorno della gita ed è una figata. D’accordo, i francesi non se ne vanno proprio in giro tutti con gli strani cappelli e le magliette a righe e il pane sotto il braccio, la cucina è buona ma-non-eccezionale (tipo che le lasagne della nonna sono mille volte più buone) – almeno le ragazze però sì che sono bellissime – e poi è il quarto giorno lontano da casa, nell’hotel con gli amici di scuola, tra risate e scherzi e birre di nascosto in camera, e ti senti al sicuro.

      Perché nessuno ti ha avvisato. Cioè, forse l’hanno fatto, e tu eri troppo impegnato ad ascoltare in cuffia l’ultimo di Kendrick Lamar. Ma no, se anche l’avessero fatto, se anche ci avessero provato, non saresti comunque stato pronto. Perché nessuno ti può spiegare una roba simile, nessuno ti può dire che poi sarà così.

      In testa hai il ricordo della Tour Eiffel, che hai visto più o meno ventiquattrore fa, e sei felice e in preda all’euforia da overdose di zuccheri che state assumendo sotto forma di caramelle negli ultimi sedili del pullman. Mentre parcheggia, non ci pensi quasi neanche a dove siete, nel posto in cui state entrando. È un monumento come gli altri, probabilmente la tappa più noiosa della gita, nonché l’ultima, ovvero quella che precede il ritorno a casa. E anche mentre entrate dal cancello ancora non sospetti nulla, in fila ovviamente sempre all’ultimo posto e troppo preso a ridere dello strano accento della Guida che inizia a vomitare frasi. Poi cogli alcune parole, e inizi a prestare sempre più attenzione.

      Più di diecimila morti? Figata! Chissà quanto sangue, uno splatter tipo Resident Evil! La fila avanza, mentre la guida con la sua pronuncia aggiunge dei dettagli sempre più macabri alla vicenda. Il sole sparisce per un attimo coperto da una nuvola, ed è allora che volgi la testa verso destra. E il cuore smette di battere.



      9387 croci.

      Bianche.

      Tutte uguali.

      Allineate perfettamente in righe e in colonne.

      Alla stessa distanza una dall’altra.

      Novemilatrecentoottantasette croci.

      Come pedine degli scacchi. Come stuzzicadenti. Come bastoncini del gelato.

      Novemila. Trecento. Ottanta. Sette.

      Altri millecinquecento hanno i nomi scritti sulle targhette in un muro dall’altra parte.

      Il bianco è candido più di ogni altro bianco che hai mai visto in vita tua. Il prato inglese con quell’erba tagliata finissima è ordinatissimo, elegante oltre ogni misura. Puoi guardare le singole file, in verticale o in diagonale, e non trovi niente fuori posto. L’effetto è ipnotico, ma sembra quasi che voglia cercare di trasmetterti un senso di tranquillità, una specie di ordine in mezzo al caos che dev’esserci stato, quella mattina, di giugno, del ’44.



      Ora respira. Non sembrava così quando hai visto “il Soldato Ryan” in TV, che quel nome ti ha sempre ricordato Ryan Giggs, il calciatore dello United di cui tuo fratello ha la maglietta, e che poi nel film c’era anche Vin Diesel, che poi guidava i bolidi in “Need for Speed”, e insomma due associazioni mentali così mica possono essere cose brutte. E tutte quelle esplosioni, quella gente che saltava sulle bombe, quei cecchini sulle torrette, in fondo mica sembrano poi brutti, anzi ti pompavano dentro l’adrenalina.

      Ma questo non è un film. Non è una finzione. È solo la dannata e maledetta realtà. Che sa essere mille volte più brutale e crudele delle cose finte. Ma non te ne rendi conto finché non ci sbatti il muso.

      Il fatto è che, no, mica te l’avevano detto che poi era così.

      È tutta colpa loro. Ti dovevano avvisare.

      Ti dicono che sono settanta ettari, e tu non sai quanto è un ettaro ma sai che è tanto, troppo. Su un muro ci sono altre millecinquecento targhette, ti dicono che sono i dispersi o quelli non identificati, e tu non sai che cosa vuol dire essere uno di quei tremila genitori che non ha mai visto tornare il figlio ma sai che è un dolore immenso, eccessivo. Infine, ti dicono che oltre a questi ci sono invece altri quattordicimila corpi che sono tornati negli USA, e tu non sai cosa vuol dire essere uno di quei ventottomila genitori che ha visto tornare il proprio figlio avvolto da una bandiera e lo ha dovuto seppellire ma sai che è un qualcosa di indefinibile, che va oltre.



      E quindi ora sei lì, seduto immobile in ginocchio di fronte ad una delle tante croci, pallido quasi come la croce stessa, che non riesci a spiaccicare parola e fai fatica pure a buttare aria nei polmoni. Gli occhi umidi ed arrossati, stai per piangere. Non l’hai fatto quand’era morto tuo nonno, non l’hai fatto quando ti eri rotto il braccio cadendo in moto, ma succede ora, di fronte alla fredda lapide a forma di stella di tale Ronald Klein, sconosciuto soldato che ci ha lasciato le penne nel quarantaquattro.



      Poi la gita finisce, torni a casa. Le risate, sui sedili in fondo del pullman, hanno lasciato il posto ad uno strano silenzio. Magari la guerra non è poi così bella come fanno vedere in televisione, ma questo l’hai capito anche senza che te lo dovessero dire.



      Entri dalla porta di casa.

      “Allora, com’è andata?”, chiede sorridente la mamma.

      “Dovevate dirmelo”, rispondi.

      “Dirti cosa?”.

    II° classificato

    “GLI ILLESI”
    _
    Lyuba Centrone
    Gioia del Colle – BA

    …”Scritto con una raffinatezza, una sobrietà e anche una ricchezza di allusioni di ulteriori storie che ne valorizza lo spessore”.

    • «La grande sconfitta, in tutto, è dimenticare, e soprattutto quel che ti ha fatto crepare, e crepare senza capire mai fino a qual punto gli uomini sono carogne. Quando saremo sull’orlo del precipizio dovremo mica fare i furbi noialtri, ma non bisognerà nemmeno dimenticare, bisognerà raccontare tutto senza cambiare una parola, di quel che si è visto di più schifoso negli uomini e poi tirar le cuoia e poi sprofondare. Come lavoro, ce n’è per una vita intera.»

      Luis-Ferdinand Céline, Viaggio al termine della notte.

       

      Non una parola su Birkenau. Con gli anni mi ci ero rassegnato all’oblio, all’idea di non sapere, e anzi, c’è stato un periodo, poco prima del liceo, durante il quale mi ero convinto che in realtà l’eco di quella storia, che solo in rare occasioni aveva sfiorato le mie orecchie, fosse una macchinazione, un’invenzione messa in piedi dai miei per avere anche noi, come tutti, una valorosa fetta di infelicità. I litigi con mio padre e le sberle di mia madre, all’epoca, avevano finito per alimentare uno spasmodico desiderio di scoperta, ma il silenzio di mia nonna era una pietra tombale. A cosa serve raccontarle certe cose? Qualche oh, usuali mi dispiace, pianti cortesi. Un dolore di circostanza di cui non avevo responsabilità, ma che mi apparteneva lo stesso. Nonna lo sapeva il motivo del suo silenzio. Lo sapeva per forza. L’essenza non la si spreca in sbrodolii e rumori gracchianti: era per questa ragione, mi convinsi, che lei se li teneva lì sotto, dentro la pelle, i ricordi. Le parole li degradano, in effetti, con il loro corollario di saliva e orride deformazioni mandibolari. Versacci vani con cui esprimere l’infinito. Bella beffa.

      Il racconto di Birkenau, sopito, sbiadito, imbavagliato. E io, in piena adolescenza avevo già letto tutti i libri, tutti i poeti, tutto il firmamento dei romanzi sulla Shoah. Conoscevo tutto a memoria. Tutto, tranne i ricordi di mia nonna, Liliana Segre, che se li teneva in bocca, annodati alla gola, come i denti del giudizio.

      Lei viveva in casa con noi da prima ancora che io nascessi e le vicende spaventose dovevano esserle successe in un tempo lontanissimo, molto più lontano della nascita di mio padre, suo figlio. Quando e come scoprii i rimasugli di questa storia ancestrale, non saprei dirlo. Forse ci nasci con certe consapevolezze, oppure qualcosa doveva avermela detta lei di fronte alle domande benevoli, da parte mia, esserino per bene, che a cinque anni imparava a contare e a pronunciare ad alta voce il numerino a cinque cifre che le spuntava tra le pieghe della mano sinistra. 36548. Tre. Sei. Cinque. Quattro. Otto. Trentaseimilacinquecentoquarantotto. Trentasei-Cinquantaquattro-Otto. Tre. Sei-Cinque. Quattro-Otto. Stop.

      Le impertinenti curiosità, che creavano scompiglio in casa, dovetti ingoiarmele a suon di schiaffi ed inevitabilmente crescevano dubbi sulla possibilità che la storia del campo fosse una farsa, un’astuta farsa. Ma per quale motivo? Di sicuro mia madre, con la sua indole sinistra, avrebbe spinto mio padre a trarre i dovuti vantaggi da quella tremenda storia. Invece, no, anche lei zittiva.

      Sguazzavo in un guazzabuglio di mistero al quale piano piano mi abituavo. Intanto facevo pratica con miriadi di numeri, imparavo le lettere, la matematica, la trascrizione fonetica, perfino il greco stavo imparando, una volta cresciuto e anestetizzato dalla fissazione per il liceo artistico, che non mi fu mai concesso. La vita non è che un eterno rifiuto, fino a quando resisti ti viene facile vivere, ma se ti capita una smania, una fantasia, quella ti fa tin-tin per sempre. Tuttavia, ripulito ben bene dalle mie stupidaggini, mi iscrissero al liceo classico, senza nemmeno dirmelo, un liceo classico cattolico per giunta, come voleva mia madre, cattolica anche lei. Mi ritrovai disperso in una diroccata villa in campagna con altri ragazzini sfortunati come me, lontani da casa e in preda ai desideri più atroci. Mia nonna, in quel tempo, invecchiava indifferente mentre io, lontano, perdevo bellezza, fabbricavo peluria e mettevo su una voce smargiassa. Il liceo era una costruzione antica e irregolare. Il giardino intorno era ampissimo e circondato da un possente muraglione sul quale svettavano lucenti cocci di bottiglia. Non lo dimenticherò mai quel postaccio. A noi, poveri studenti, era consentito usufruire del paesaggio oltre il muro solo la domenica quando, con il sacrestano, andavamo a messa a sprecare il tempo delle perversioni in canti e suonate abominevoli. Lì dentro passai cinque fetenti anni studiando qualsiasi cosa e districandomi nei primi affarucci sessuali.

      L’estate della maturità, scarcerato dal liceo con un onesto cinquantadue, speravo finalmente di evadere. Invece mi rinchiusero di nuovo. La villeggiatura, quello splendido supplizio. Eravamo tutti e quattro nella casa al mare a Castiglion della Pescaia immersi nella luce pervasiva dei giorni tristi. Io, papà, mamma e nonna ad odiarci intensamente. Come lucertole imputridivamo al sole della villeggiatura laddove tutto è festoso, persino gli incubi notturni.

      Che fai in villeggiatura? Ti stendi sul divano e aspetti che finisca. Poi però, qualcosa ti travolge, è inevitabile, e interrompi l’attesa. Lei mi interruppe cadendo. Cadde sì, di lungo. Rovesciata sul pavimento come un affare che cade e si rompe. La guardavo da un po’ camminare su e giù, m’ipnotizzava con il baricentro spostato in avanti, passi sottili, strascichi di piedi. Tutta assolata, una vecchia madonna d’oro, bagnata dal sole pesante del primo pomeriggio. Stavo giusto pensando alla sua evidente fragilità, che un giorno avrebbe pagato, quando d’improvviso inciampò sullo spigolo e poi sul piede e poi sbadabum, si arrese.  Si ruppe tutta mia nonna, senza sconti. Tutta in frantumi. Io feci a malapena il gesto di sollevarla. Che sarcasmo: uno sopravvive ad un campo di sterminio, poi prende uno scivolone in casa e la vita eroica di prima, tutte le sassate a cui è sopravvissuto, sfioriscono di botto: è questo, io credo, la vita. Uno scherzo.

      I miei non ne furono amareggiati, non fa mai dispiacere liberarsi di un ospite, di una bocca da sfamare, specie se non fa reddito: dopo qualche attimo di costernazione, mia madre ha subito predisposto tutto, un vero talento nel mettere a posto le cose mia madre, e in un modo così preciso che non mi stupiva pensare che gliel’avesse procurata lei, con qualche maleficio, la caduta. Anche perché, è bene dirlo, la puzza del rancore inesploso, in casa nostra, odorava di morte già da un po’. In men che non si dica, chiusa la portiera dell’ambulanza, l’hanno lanciata a tutta dritta in ospedale, come un fagotto. In quella scatola di metallo tuonante, mia nonna era già un’estranea, l’eterno ospite che andava via e noi, gli illesi, piangevamo, mentre sognavamo già i riusi della sua stanza.

      Mi sentii più grande in un solo giorno, come se fossi scivolato anche io da uno scivolo che ti porta giù, velocissimo. Con il tempo ho perso gli umori estremi, gli odi, la determinazione. Ho perso le smanie di essere diverso e acquisito il controllo, quella specie di visione d’insieme che uccide l’indole, neutralizza la volontà e ti fa scordare la felicità. Dopo quella storia, mi trasferii lontano da casa per fare l’università. Economia e commercio. Oggi sono un amministratore e al diavolo l’amarezza dei poeti. I miei sono diventati sempre più estranei, creature sbiadite, io intontito dalle donne, dai soldi, le stravaganze.

      Ogni tanto, però, ci pensavo a mia nonna. Non per nostalgia, ma per quel senso di morte che ogni tanto mi prendeva e allora mi chiedevo se anche io sarei finito in quel modo barbaro. Fu per questi piccoli sensi di colpa che un bel giorno decisi di prendere una pausa dall’ufficio per mettermi in macchina verso Roma, alla volta dell’ospizio dove lei viveva. L’ultimo viaggio, senza saperlo, in quel posto che a mala pena avrò visitato una decina di volte.

      Diciotto maggio, un giorno dolcissimo, né caldo, né freddo. Il sole quieto e favorevole, arietta fresca sulle colline. L’ospizio sorgeva in una specie di bosco e all’esterno dell’edificio si esibiva la centenaria società che lo abitava. Vecchietti grinzosi: le donne grasse, gli uomini asciutti. Si sentiva una sorta di cicaleccio, interrotto, ad intermittenza, solo dal suono sgradevole degli sputi. In quell’ambiente malsano mi sentii d’un tratto sollevato dalle colpe e varcai il portone rinvigorito da quel nuovo temperamento. Avvertii la prima infermiera che mi capitava a tiro che ero il nipote della signora Segre. Lei, mi salta all’indietro. Io che non capisco, le chiedo se è tutto a posto. Ma la signorina era imbarazzata, visibilmente incapace di affrontare la questione. Successe così: mi accompagnò nell’ufficio del direttore annunciandogli chi ero. Lui, di mestiere, non ebbe alcun sussulto, al contrario dell’infermiera, e mi spiegò, con grande cortesia, che mia nonna era morta la sera prima, ma che per un problema con le linee telefoniche non avevano potuto avvisarci subito. Dimostrò meraviglia per la mia venuta e la attribuì a qualcosa di divino. Io, non so che mi prese. Niente mi sembrava vero: il viaggio in macchina, la notizia della morte. Anzi, mentre il direttore mi accompagnava all’obitorio, iniziai a pensare a certe carte che avevo lasciato in ufficio e che dovevano essere spedite in giornata. Avevo bisogno di un telefono, ma era tardi, eravamo già di fronte al cadavere. Luce gelida, bara di plastica grigia. Per il mogano bisognava firmare il contratto con quelli delle pompe funebri. Un vecchietto era seduto di fianco alla bara. Camicia bianca stirata. Ci guarda. Il direttore mi spiega che era la persona più cara a mia nonna lì dentro. Fa un cenno, lui si alza a malapena e si viene a presentare. Rimaniamo soli. «Eravamo insieme a Birkenau – mi dice tra le parole di circostanza – io distribuivo casacche e lei era l’addetta alla raccolta dei denti d’oro». Fui lieto di conoscerlo, lo ascoltai per un po’ e notai il tatuaggio, sbiadito, ma leggibile. 36465, sì era a Birkenau con lei. Sicuramente. Mi disse che la nonna voleva farsi seppellire in un cimitero cattolico, ma avere una lapide con la stella di David. E poi mi disse anche che aveva lasciato per me un quaderno, dentro l’armadietto in camera sua. Nient’altro. Lo ringraziai ancora. Ci sedemmo uno di fronte all’altro. Il tempo stagnava, mia nonna era come la ricordavo. Dopo un po’ la luce del neon cominciò a darmi fastidio e anche la sedia diventava scomoda, così l’ho girata e l’ho messa come quella del vecchio. Non c’era altro da dirsi. Lo sapevo che mi odiava, me e i miei. Ma non lo dava a vedere, mi guardava solo ogni tanto e sorrideva. Per il resto, era sempre fisso su mia nonna. Dopo un po’ mi sono alzato e ho cercato un’infermiera. C’era quella che mi aveva fatto entrare all’inizio e lei mi ha ribadito del rito cattolico e che potevamo portarla in chiesa o far venire il prete direttamente lì. Meglio il prete lì, le dissi e subito è corsa dal direttore a riferirglielo e a ritirare il malloppo di carte che mio padre avrebbe firmato al suo arrivo (intanto le linee si erano riprese). Tornato nella stanza, ho preso una sigaretta e sono uscito ancora per andarmela a fumare fuori. Il vecchio era impassibile. In cortile l’azzurro del cielo stingeva in un grigio plumbeo e il passaggio delle nubi aveva lasciato sulla strada come una promessa di pioggia. In quel torpore sono rimasto ad osservare il cielo, rilassato. Nonna era morta e l’indomani sarei tornato in ufficio, tutto sommato, pensavo, non era successo nulla.

    III° classificato

    “L’ULTIMO TRATTO”
    _
    MARIA GIULIA BALDUCCI
    Milano

    …definito dalla giuria “senza ipocrite ritrosie”.

    • Il vecchio si alza, senza badare ai dolori alle ossa, alla tosse che lo tormenta. Con lentezza va in bagno, poi si scalda il caffè. Sono anni che non serve più preparare un’altra caffettiera. Per la moglie, che se ne era andata in due mesi dello stesso male di cui anche lui si era ammalato. Lui l’avevano curato ed ora è lì, vent’anni dopo. Succede a volte che dimentichi che giorno sia; a volte apparecchia per due e, se arriva la figlia, finge di averlo saputo in anticipo. Anche la figlia finge, perchè tanto non serve a nulla ripetersi quello che aveva detto il medico. Demenza senile. L’importante è prendere le medicine – non per sopravvivere, al vecchio non importa. Ma per non essere un peso: per tutta la vita gli avevano detto che aveva un problema al cuore e ora aspetta che il suo cuore si fermi, prima del suo cervello. Non ha paura della morte: non perché creda in un al di là in cui avrebbe incontrato la moglie, i fratelli, gli amici che lo avevano preceduto. Se gli avessero chiesto dell’al di là non avrebbe saputo cosa rispondere. Avrebbe voluto che la moglie entrasse dalla porta, con i suoi odori, i suoi capelli corti tagliati alla meglio, l’allegria negli occhi grigioverdi e quella voglia di parlare che lui troppo spesso aveva spento.

      Anche quella mattina si era svegliato con in testa un’immagine, sempre la stessa da ormai troppi giorni. Non riesce a ricordare bene: un sogno, l’immagine di un film, un pezzo della sua vita. Una ragazza, coi capelli neri, ricci, che scendeva da un’ auto anni trenta, la porta tenuta aperta da un autista in livrea. Poi il vuoto. Quella mattina ha un’idea in testa. Si china a fatica verso il ripiano della libreria dove si trovavano in ordine vecchi faldoni d’ufficio. Era sempre stato un uomo ordinato e ogni faldone aveva un contenuto preciso, con tanto di etichetta. Prende quello che gli interessa, lo appoggia sul tavolo e comincia a sfogliarlo. Arriva velocemente alle foto più vecchie, lui e e suoi fratelli vestiti da figli della lupa, suo padre ad una parata militare e  infine la foto di scuola che cercava. Pontedera _ Regio Ginnasio – classe seconda  A – anno scolastico 1937/1938. La ragazza del sogno è lì, in mezzo alle altre, l’unica con i capelli crespi, tagliati all’altezza del collo, la riga di lato; l’unica con un vestito, mentre tutte le altre avevano gonna nera e camicia bianca, calzettoni grossi, trecce tirate ai lati. Tutti, maschi e femmine, guardavano dritti l’obiettivo, compreso lui, che si riconosce in un ragazzino magro, con gli occhi vivaci, accovacciato insieme agli altri maschi in prima fila, le ginocchia ossute, il cappello da balilla in mano. La foto è ormai color seppia, ma la ragazza spicca ugualmente, col corpo di sbieco e lo sguardo rivolto all’obiettivo, quasi una diva in mezzo a ragazzine. Il vecchio riconosce anche la propria sorella che era finita in classe con lui, dopo una bocciatura. Del resto era l’unica sezione del ginnasio a Pontedera: maschi e femmine di famiglie che potevano immaginarsi un futuro per i figli, diverso dal lavoro manuale. La guerra poi aveva scombinato le carte. Lui non si era diplomato, pur avendo frequentato il liceo scientifico. Non che se ne lamentasse: la sua vita l’aveva avuta. Era sempre stato leale con se stesso, con gli altri. Tanto da costituirsi quando i suoi commilitani erano stati presi, tanto da non dare retta al comandante del comitato di Liberazione che gli diceva di andarsene, che era solo un ragazzino. Lo sapeva di aver sbagliato, già da un po’; e aveva pagato, nel campo di Coltano, a scavare e riempire fosse sotto il sole cocente, finchè l’avevano lasciato andare. Di quel periodo ricorda il soldato nero che ordinava loro di scavare e riempire e i denti bianchi del soldato e il caldo e la mano di suo padre che gli passava la frutta, dopo un lungo viaggio da Milano e lui che divideva la frutta coi suoi compagni (no camerati), il succo delle pesche che scivolava dalla bocca e loro che nonostante tutto ridevano. Nonostante tutto. Nonostante gli errori, gli orrori, nonostante tutto quello che avevano fatto, visto, sopportato. Perchè erano giovani e pronti a ricominciare. C’erano cose che era meglio dimenticare, ma il vecchio, anche se non ne parlava, non aveva dimenticato. Gli dispiace che ora i ricordi spariscano, ma se ne fanno strada altri, così intensi che a volte li confonde con la realtà. Una volta aveva dovuto fermarsi sul marciapiede, attaccato con tutto il corpo ad un alto palazzo: sentiva il vento freddo sferzargli il volto, penetrargli nella divisa troppo larga e raggiungergli le ossa, mentre attorno a lui si faceva buio e il sentiero diventava invisibile, il moschetto sempre più pesante. Sul sentiero era rimasto tutta la notte, lui e altri tre. Il mattino li aveva sorpresi vivi e affamati, di cibo e di vita. Avevano guardato il sentiero così stretto, così scivoloso e si erano chiesti quanto fosse sano di mente il loro comandante, a mandarli lassù, in cerca di disertori. E uno di loro lo aveva detto: me ne vado, giù al comando non ci torno. Si era strappato la camicia nera ed era andato per un altro sentiero, appena più in basso. Avrebbero dovuto sparargli e forse lui se lo aspettava, ma non lo avevano fatto. Al comando avevano detto che era caduto durante la notte, nel dirupo sottostante il sentiero. Non che importasse a qualcuno: il loro comandante si era sparato, dopo averli spediti in quella missione suicida. C’era aria di resa. Il vecchio ora fatica a ricordare perchè si fosse arruolato. I pensieri gli si confondevano: suo padre che tornava a casa, con una camicia da civile prestatagli da un commilitone, l’aria spaurita anche di fronte ai figli, suo padre che non sapeva cosa fare e vendeva i libri, quelli belli, invecchiato e ingobbito all’improvviso. Il vecchio ricorda di come tutto quello che gli avevano raccontato, a scuola, alle parate, gli fosse caduto addosso e di quella volta che dei tedeschi ubriachi erano entrati in casa, ubriachi, e avessero fatto battute alle sue sorelle maggiori, finché lui era andato nell’altra stanza, aveva preso una pistola, li aveva minacciati e quelli se ne erano andati. Di come aveva pensato che non si poteva rinunciare ai sogni, che una bocca in meno da sfamare era meglio per tutti, che non si poteva lasciare in mano tutto ai tedeschi. Che non aveva capito e questa era la sua colpa. Che era solo un ragazzo non lo pensa perché allora si cresceva in fretta. Lo consola non aver ucciso nessuno, ma sa che é stato solo un caso. Ecco, ora gli si forma un’altra immagine. E’ sulle montagne dell’Alta Valtellina: una spia ha detto che ci sono ebrei nascosti in una cascina. Il comandante, quello che poi si è sparato, li ha portati fin lì, “prima dei tedeschi”. Quando arrivano trovano una donna che riporta le vacche nelle stalle, al collo una croce, e bambini che aiutano e giocano e poi scappano nella stalla: rimane solo la donna e una bambina, dalle trecce strettissime, che gli fissa gli occhi addosso. Lui non sostiene lo sguardo e così vede solo i piedi piccoli, sporchi, callosi. Il comandante grida alla donna – “gli ebrei!”; la donna gli dice in dialetto che ebrei non ce ne sono, lo giura sulla croce. Continua a giurare, anche quando il comandante le dice che le bruciano la stalla e la stanza vicina dove dormono, con bestie e tutto. Il comandante manda i suoi uomini verso un rialzo del terreno. E’ una specie di cantina scavata tra le rocce e il terreno, fresca in estate, dove i contadini conservano formaggi e vini. Dentro però cibo non ce n’è: escono un uomo e due donne. Li puoi dire contadini anche loro, ma hanno un modo diverso di muoversi. Si sono già arresi: la bambina si stringe alla madre e continua a guardarlo. Il comandante fa uscire i bambini: gli basta uno sguardo per isolarne due e metterli accanto agli altri tre giudei. Gli urla di mettersi contro il muro, anche alla donna che ha giurato sulla croce e alla bambina che le sta attaccata. Ordina ai suoi uomini di sparare: il vecchio è là, ora, non più nel suo salotto davanti ad una vecchia foto, ma là, tra gli odori del bosco e degli animali e della paura. Anche lui alza il fucile, anzi lo alza troppo, gli occhi della bambina puntati su di lui. Sa che sono suoi i colpi sul muro, troppo alti per uccidere, ma intanto a terra ci sono tutti e nessuno che si muova più. Lui, però, lo sguardo della bambina lo sente ancora addosso, vero come il muggito degli animali e il pianto dei bambini. I due ricordi si uniscono, nella sua mente si fa chiaro: la sua compagna di classe era ebrea, un’ebrea ricca. Era scomparsa poco prima delle leggi razziali: era una famiglia in vista, forse erano riusciti a scappare. Ne risente il nome, pronunciato dalla professoressa di latino, il primo giorno di un’assenza che non sarebbe mai stata giustificata: Eva Hegger. Il vecchio senza accorgersene piange: piange per la sua vita che se ne stava andando, per i nipoti che non aveva avuto, per la moglie morta, per la bambina che ancora lo guardava, per la ragazza che era scomparsa e nessuno di loro si era chiesto nulla. Piange per le sue scelte, quelle sbagliate e quelle giuste. Ha un nome, ora, e una storia che gli fa male. I ricordi cominciano a tornare: il fratello più grande di Eva che dà una rosa rossa a sua sorella, sorridendole. Eva che gli passa una versione di latino, strizzandogli l’occhio. Il loro ultimo giorno a scuola, identico a tutti gli altri. Il vecchio sa che può fare delle ricerche anche da casa: la figlia gli ha dato un vecchio computer, una connessione ad internet. Non ha mai cercato nulla, ma ora digita sulla tastiera quel cognome: escono troppi risultati, il vecchio si perde, si impaurisce. Poi trova una pagina sul cimitero militare di Omaha Beach, Normandia, e lì lo ritrova quel nome: è il nome del fratello di Eva, morto nello sbarco americano. Continua la ricerca: italiano, trasferito con la famiglia in America poco prima delle leggi razziali, la sorella morta mentre lui era al fronte, volontario. Eroe di guerra: combatte sul fronte più pericoloso, sprezzante del pericolo. La ricorda anche lui quella sensazione: che la giovinezza lo avrebbe protetto da qualsiasi cosa. Ma non era così: lo aveva visto in tanti sguardi di giovani morti, traditi da un senso di onnipotenza. Il vecchio non ha dubbi su quello che farà. Il viaggio è lungo, ma è l’ultimo tratto del suo cammino.

      Quando arriva al cimitero militare di Omaha Beach sono passati solo due giorni; con sé non ha nulla, neppure una borsa con un cambio, solo una rosa rossa. Entra nel cimitero, dopo aver congedato il taxista con gli ultimi soldi rimastigli. Non serve percorrere tutto il cimitero: un addetto gli chiede chi cerca e in un attimo ha una fila, un numero. Si incammina: la vede già da lontano, una stella di David, accanto a tante croci cristiane. Si avvicina, si china: non ha lacrime, quando appoggia la rosa rossa sulla tomba del giovane soldato morto. Le immagini si sovrappongono: la tomba, Eva, la ragazzina che non ha mai smesso di fissarlo. E’ stanco quando esce. La spiaggia gli pare lontanissima, ma è l’ultimo tratto del suo viaggio. La raggiunge e si sdraia, guarda il tramonto e sente le lacrime sul volto. Cade una leggera pioggia e l’oceano è blu intenso, mosso. Il vecchio guarda il mare e chiude gli occhi.

      Lo ritrovano la mattina dopo, sulla spiaggia, senza vita. Nel cimitero la rosa rossa è sbocciata del tutto, si allarga nel bianco delle tombe sul verde prato.

  • Concorso di narrativa “L’immagine parla”

    Concorso di narrativa “L’immagine parla”

    Concorso di narrativa

    “L’immagine parla”

    Concorso di narrativa “L’immagine parla”

    Foto Gianfranco Foresti

    L’Associazione  culturale “IL MAESTRALE” indice la XI Edizione del Concorso di narrativa

    “L’immagine parla“

    Concorso che prevede la stesura di un racconto inedito il cui incipit è l’immagine fotografica riportata in testa al presente Regolamento. La stessa sarà riprodotta su materiale divulgativo che verrà distribuito, in via prioritaria, sul territorio della Provincia di Brescia, quindi a livello Regionale, nazionale ed internazionale attraverso i siti internet dedicati. L’immagine incipit per questa edizione è stata gentilmente concessa dal

     

    Circolo Fotografico “Gruppo Iseo Immagine”

    e realizzata dal fotografo GIANFRANCO FORESTI.  Nostro obiettivo prioritario è la valorizzazione dei giovani scrittori e di tutti coloro che hanno fatto della scrittura un piacevole momento di sfogo creativo, che scava nell’interiorità, rende partecipe il lettore, trasmette pensieri, idee, sensazioni e memorie. 

     

    Regolamento

     Art. 1

     ll Concorso consta di una sola sezione riservata agli scrittori che hanno compiuto 18 anni.

    La partecipazione è gratuita.

     

    Art. 2 

    I partecipanti dovranno presentare un elaborato di loro produzione, inedito, scritto in lingua italiana, eventualmente con brevi frasi in lingua straniera, ispirandosi all’immagine incipit  del concorso stesso.

     

    Art. 3

     I limiti redazionali e le modalità d’invio a cui attenersi sono i seguenti:

    • il testo non deve superare le 5 cartelle (formato A4), interlinea doppia, carattere 12, Arial, formato WORD;
    • distanza dai margini del foglio: 2cm ogni lato;
    • massimo 11.750 battute (spazi inclusi)
    • le eventuali citazioni testuali, riportate nell’elaborato, dovranno essere evidenziate in corsivo o tra virgolette, con le relative note editoriali tra parentesi, pena l’esclusione dal Concorso;

    invio dell’elaborato in n. 1 copia dattiloscritta, non firmata, riportante il solo titolo ed il testo.

    In busta chiusa dovrà essere inserita la scheda d’iscrizione allegata al  regolamento e contenente  i dati anagrafici dell’autore nonché l’autorizzazione al trattamento dei dati personali (L. 196/2003).  I testi non saranno restituiti ed i concorrenti autorizzano l’Associazione a pubblicare i loro lavori in toto o parzialmente senza richiedere compenso alcuno, pur restando, gli autori stessi, proprietari dell’opera.

      

    E’ obbligatorio trasmettere il testo del racconto e la scheda d’iscrizione all’indirizzo

    e-mail: info@ilmaestrale.eu.

    • l’immagine incipit, la scheda di iscrizione ed il regolamento sono scaricabili dal sito internet ilmaestrale.eu.
    • I racconti che non rispetteranno i suddetti requisiti verranno eliminati.

    Art. 4

    L’ opera deve  essere spedita a mezzo servizio postale  entro e non oltre il 20 agosto 2017 al seguente indirizzo:                                 

    Associazione Culturale IL MAESTRALE

    Via Civerchi 16

    25036 PALAZZOLO S/OGLIO (Brescia)

    e trasmessa via e-mail all’indirizzo di posta elettronica : info@ilmaestrale.eu. ( vedi sopra). Per il rispetto dei termini di scadenza farà fede il timbro postale o la data di invio dell’e-mail; dei due, il più favorevole al concorrente.  

    Art. 5 

    Le opere saranno valutate, a giudizio insindacabile ed inappellabile, da una Giuria costituita da sei membri così composti: cinque membri nominati dall’Associazione Il Maestrale, compreso il Presidente della Commissione ed un membro rappresentativo del Sistema Bibliotecario dell’Ovest Bresciano. Il voto del Presidente della Commissione ha valore doppio. 

     

    Art. 6

     La Giuria sceglierà un’opera vincitrice, il secondo e terzo classificato e sette racconti giudicati significativi;

    allo scrittore verrà assegnato un PREMIO consistente in € 1.000,00; verranno riservati premi anche al 2° e 3°classificato.

    l racconti premiati e quelli segnalati saranno pubblicati sul sito internet dell’associazione.Tutti i racconti pervenuti e ritenuti idonei alla pubblicazione dai membri della Giuria saranno raccolti in un volume; il titolo della raccolta corrisponderà al titolo del racconto vincitore che aprirà la raccolta stessa. L’opera vincitrice e la pubblicazione saranno presentati, con cerimonia ufficiale, a Palazzolo s/Oglio, il giorno

     7 ottobre 2017

    presso il Salone Espositivo della Biblioteca Civica di Palazzolo sull’Oglio

     

    Art. 7

    L’esito del concorso sarà opportunamente pubblicizzato attraverso gli organi di stampa ed altri media in data che verrà stabilita dal presidente della Giuria ed i partecipanti potranno visionare il nome degli scrittori classificati nei primi dieci nel sito internet www.ilmaestrale.eu.

    Il 1° classificato sarà avvisato tramite lettera raccomandata o telegramma. Il 2° e 3° classificato e gli scrittori, i cui racconti sono stati segnalati dalla Giuria, saranno avvisati telefonicamente e via email.

     

    1Art. 8

    L’Associazione Il Maestrale si riserva la facoltà e il diritto di pubblicare, per intero o in forma parziale, tutto il materiale ammesso al Concorso, in particolare l’opera vincitrice e quelle segnalate.

     

    Art. 9

    Ad insindacabile giudizio è facoltà della Giuria non scegliere i/il vincitori/e nel caso in cui non vi siano i presupposti di qualità nella stesura dei racconti.

     

    Art. 10 

    La partecipazione al concorso implica l’accettazione del presente Regolamento.

     
    arcangeli

  • DA HAYEZ A BOLDINI

    DA HAYEZ A BOLDINI

     

    DA HAYEZ A BOLDINI

    “DA HAYEZ A BOLDINI”

    SABATO  6  MAGGIO  2017

    Dopo il successo riscosso con “Il cibo nell’Arte dal Seicento a Warhol” e “Lo Splendore di Venezia”, Palazzo Martinengo ospita fino all’11 Giungo 2017 una nuova grande mostra – curata da Davide Dotti – che racconta al pubblico la straordinaria stagione artistica che l’Italia visse nel corso del XIX secolo, illustrando le correnti e i movimenti pittorici che fiorirono rendendo il panorama artistico nazionale uno dei più frizzanti e dinamici a livello europeo. Gli oltre cento dipinti selezionati, provenienti da prestigiose collezioni pubbliche e private, permettono di compiere un appassionante viaggio alla scoperta dei massimi esponenti del neoclassicismo, del romanticismo.

     

    Il programma è il seguente:

    0re 13,00 ritrovo a  Palazzolo nel piazzale Kennedy (piscina) e partenza  con mezzi propri

    0re 14,15 ritrovo presso Palazzo Martinengo – Via dei Musei, 30 – Brescia

     

    Il costo della visita che vi proponiamo (comprensiva di biglietto di ingresso e guida) è di €  15,00

     

    Iscrizione  da  effettuare entro il 14.04.2017 con il pagamento dell’intera quota

     

    POSTI LIMITATI FINO A 25 PERSONE

    contattare Antonella Bonadei   cell. 339 1003726 – Bianca Alberti  cell. 339 1495773

     Il viaggio è previsto con mezzi propri; le persone che desiderano essere trasportate da altri soci pagheranno ai conducenti € 5,00 ( quota costo benzina, pedaggi e parcheggio).

    Al momento della prenotazione si prega o di richiedere il passaggio o di specificare se  disponibili al trasporto.

     

     

     

  • NOI per VOI

    NOI per VOI

     

    NOI per VOI

    “NOI per VOI”

    Iniziative per la raccolta di fondi da destinare all’Istituto Comprensivo “Mons. Paoletti “di Pieve Torina, Muccia , Visso, Pievebovigliana  e

    All’Accademia Italiana del Clarinetto di Camerino devastati dal terremoto che ha colpito le terre marchigiane

    In questi giorni assistiamo ad un evento drammatico: al problema del terremoto che stà tormentando da mesi il centro Italia, e non accenna a demordere, cui si è unito il maltempo con nevicate che hanno infierito come una lama su una situazione già di per sè devastante.

    Il Maestrale, insieme ad altre realtà Associative e Cooperativistiche Palazzolesi, si sta muovendo in varie direzioni e proprio in questi giorni ha preso contatti con i Sindaci e i Presidi di Istituti comprensivi di alcuni tra i borghi più martoriati. Fiastra, Pievetorina, Pievebovigliana, Muccia, ….
    Sono emerse tutte le criticità che i media stanno diffondendo, problemi che si sono acuti con le nuove scosse e le abbondanti nevicate. I bambini che frequentavano la materna di Pieve Torina ( Macerata) seguivano le lezioni all’interno di una tensostruttura che con la neve è crollata ( vedi fotografia allegata) ed ora attendono soluzioni che permettano loro di proseguire a frequentare la scuola. Situazioni limite che muovono ad una spontanea generosità e a farci dire : dobbiamo aiutarli!
    Forse a settembre ( forse) la scuola sarà ricostruita ma sarà vuota di attrezzature finite sotto le macerie dei crolli e noi potremo dare una mano raccogliendo fondi che permettano di riempire le aule con quanto serve. Ci sono delle priorità che vanno rispettate : i bambini e i ragazzi vanno sostenuti perchè la loro vita riprenda a scorrere in condizioni di normalità e di serenità e noi ci impegneremo affinchè ciò si realizzi. La gente di quelle terre deve sentire la nostra vicinanza e mai sentirsi abbandonata.
    Parlando con il Preside dell’Istituto comprensivo “Mons. Paoletti” di Pievetorina, prof.. Giorgio Gentili, che governa le scuole materne, primarie e secondarie di primo grado di Pieve Torina, Pievebovigliana, Visso e Muccia, abbiamo ricevuto un quadro esaustivo della situazione. Abbiamo pertanto deciso di indirizzare a questo Istituto gran parte delle risorse che riusciremo a raccogliere. Pievetorina, uno dei paesi del comprensorio scolastico, è un paese fantasma. Il 90 % delle case è inagibile e le scuole sono crollate. Ma la gente non vuole abbandonare la propria terra; vuole ricostruire e rivivere. Allego una lettera   inviataci da un’insegnante di quell’Istituto Comprensivo.  Offre uno spaccato della cruda realtà con la quale si stanno misurando persone e soprattutto bambini e ragazzi obbligati a trasferirsi nella lontana Loreto ( 120 Km)  per poter continuare l’iter scolastico. Un’altra Scuola ha subito gravissimi danni alla sede operativa: l’Accademia Italiana del Clarinetto di Camerino, unica in Italia, che ha visto crollare le pareti delle aule ed ora non ha più un luogo dove svolgere lezioni e corsi. Anche per loro riserveremo risorse per poter continuare il cammino. Presso questa Accademia, la scorsa estate, si erano recati gli allievi di clarinetto della Casa della Musica di Palazzolo per un corso di approfondimento e sono stati testimoni della violenta scossa che ha martoriato quelle terre il 24 agosto 2016.I palazzolesi sono persone solidali e generose; sappiamo che saranno in prima fila, come sempre, quando qualcuno bussa alla loro porta. I gruppi Alpini di Palazzolo e San Pancrazio, La Cooperativa Sociale Palazzolese e l’Accademia musicale ” Casa della Musica” promuoveranno, insieme a noi del Maestrale, questa preziosa catena di solidarietà. In breve saranno presentati i vari programmi e lanciata una sottoscrizione a premi. Cerchiamo aiuto anche presso tutte quelle associazioni e gruppi sensibili a questa chiamata e li preghiamo di mettersi in contatto con la nostra segreteria ( 030.731088) o chiamando  Antonella ( 030.7400719) per collaborare nella vendita dei biglietti della sottoscrizione.

    Non mancate, dobbiamo essere uniti in questo progetto di solidarietà !
    NOI per VOI !

    Lettera dell’insegnante prof.ssa Marzia Farroni

    “Gentile ,Presidente dell’Associazione Il Maestrale,
    sono Marzia Farroni, insegnante dell’Istituto Comprensivo Mons. Paoletti, con sede a Pievetorina (MC) ed ho avuto richiesta dal Dirigente Scolastico, Prof. Giogio Gentili, di descrivervi brevemente la situazione attuale delle nostre scuole.Tengo a precisare che purtroppo siamo l’Istituto più colpito della Regione Marche dall’evento sismico del 26 e 30 ottobre che ha interessato il centro Italia. L’Istituto Comprensivo si articola su quattro plessi nei comuni di Muccia, Pievebovigliana, Pieve Torina e Visso. Ad oggi le scuole di Muccia, Pieve Torina e Pievebovigliana hanno ripreso le loro attività in tendoni messi a disposizione dal comune, dalla croce rossa e dalla protezione civile, avendo tutte le strutture scolastiche danneggiate e quindi inagibili. Il tendone della protezione civile Puglia, che ospita la scuola materna di Pieve Torina, è crollato sotto il peso della neve, a causa delle abbondanti precipitazioni avute nei giorni scorsi, per fortuna in quel giorno la scuola era rimasta chiusa proprio a causa della tanta neve. Gli agenti atmosferici che in questo periodo colpiscono il nostro territorio mettono a dura prova queste sistemazioni precarie che spesso si riempiono di acqua, con il vento che in alcuni giorni non da tregua. Il plesso di Visso invece ha ripreso le attività scolastiche il 5 dicembre a Loreto, di esso fanno parte anche gli alunni dei comuni di Ussita e Castelsantangelo sul Nera, quest’ultimo, epicentro dell’evento sismico di mercoledì 26 ottobre di magnitudo 5.8 e 6.1, che ha distrutto e lesionato il 95% degli edifici dei tre comuni, costringendo tutti gli abitanti del territorio montano ad evacuare le loro case e a dirigersi verso la costa, che dista circa 120 Km da Visso. Questa gente in poche ore si è vista privare di tutto, ritrovandosi senza più niente, senza casa, vestiti, lavoro, quotidianità. Lo scopo da parte dell’istituzione scolastica e delle amministrazioni comunali, fin dal primo momento è stato quello di tenere, per quanto possibile, unita la popolazione, cioè fare in modo che i nostri alunni non si disperdessero; é per questo che abbiamo cominciato a lavorare per avere una scuola provvisoria sulla costa, vicino a dove era la nuova residenza dei nostri alunni e dove rimarremo fino a giugno, speranzosi di poter ricominciare il prossimo anno scolastico nel nostro amato ma al quanto fragile territorio.

    Pievetorina lì 28/01/2017

    Per il preside
    Prof.ssa Marzia Farroni